Library logo


Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/20.500.12731/3725
Archival Unit: 283
Issue Date: 15-Apr-1424
Chronology: XV sec.
Title: Cessione di beni
Producing entity (organization): Congregazione di Carità 
Content: 
Cessione di beni fatta da Tommaso Vescovo di Urbino a favore della Fraternita di Piandimercato.(1)
Fond: Congregazione di Carità 
URI Identifier: http://hdl.handle.net/20.500.12731/3725
Archivist's notes: 
Busta n. 6
(1) Il documento concerne una figura sulla cui attività disponiamo di non molte fonti storiche, per altro non sempre concordanti fra loro: Matteo Ghiri, identificato quasi sempre come Matteo dal Palazzo, Vescovo di Urbino, morì il 29 giugno 1423, il giorno dopo avere fatto testamento, ed è importante sottolineare il fatto che esso trovasi conservato in questo stesso Fondo della Congregazione di Carità (pergamena numero 276 del 28 giugno 1423).
Purtroppo invece non è stato possibile fornire notizie più dettagliate sull’«Istromento» dell’11 aprile 1424 di cui si farà menzione più avanti (v. infra).
In ogni caso va detto che il regesto del Nardini sopra riportato oltre che breve (e a tale riguardo la natura del supporto lo ha probabilmente indotto ad una certa sbrigatività), è anche impreciso, in quanto il vescovo Tommaso non cede beni alla Fraternita, bensì ratifica l’avvenuta consegna dei beni, in ossequio alle disposizioni testamentarie del succitato Ghiri, originario proprietario dei beni stessi.
Anche in questo caso viene in nostro soccorso il regesto di Antonio Corradini, più circostanziato ed esatto:
«(Carta non pergamena). Tommaso Vescovo d’Urbino, e Vicelegato della Sede Apostolica nelle Provincie della Marca Anconetana, del presidiato di Farfa, e della Massatrabaria, colla scrittura data in Macerata nel Palazzo di sua Residenza, munita col suo rotondo sigillo, e sottoscritta da Antonio da Pavia, conferma, ratifica, ed approva la quietanza, e transazione fatta dal Dottor Cristoforo da Vicenza suo Vicario Generale nel Vescovato d’Urbino, colla Fraternita di S. Maria della misericordia di Piandimercato, ossia con Sante di Vivolo da Primicilio Sindaco, e Procuratore dei Rettori della detta Fraternita sopra i beni mobili, denari, biade, ed altre cose qualsisiano pervenute la detta Fraternita dai beni, ed eredità della bona memoria di Matteo dal Palazzo già Vescovo d’Urbino, come nell’Istromento della detta Quietanza fatto, e pubblicato li 11 Aprile per mano di Ser [spazio bianco] Notaro d’Urbino.»
Corradini, Antonio, Spoglio delle pergamene urbinati (copia di Antonio Rosa), manoscritto cartaceo, legato in cartone, secolo XIX, millimetri 305 x 220, volume II, carta 76 verso (segnatura di collocazione ‘Urbino 107’).
Physical type: Rotolo
Preservation status: 
Buono
Language: Latino
Project: Attività di acquisizione ottico digitale del Fondo Antico dell'Università degli Studi di Urbino Carlo Bo 
Appears in Collections:1.1 Sezione Pergamene

Show full item record

Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.