Library logo


Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/20.500.12731/3708
Archival Unit: 266
Issue Date: 18-Dec-1419
Chronology: XV sec.
Title: Transazione
Producing entity (organization): Congregazione di Carità 
Content: 
Transazione tra Matteo abbate di S. Vincenzo del Furlo, come rettore di S. Bartolo di Urbino e le Monache del Monastero di S. Benedetto di detta Città, dette le Santuccie, per una questione insorta, riguardo alla compra di un pezzo di terra, posto nella corte di Urbino nel luogo Monte di Castagneto, fatta nel 1388, da Suor Vanna, figlia di Ceccolo di Urbino, allora abbadessa di detto Monastero, per il prezzo di 70 fiorini d’oro.
Rog. Biagio di Mastro Giovanni della quadra di S. Croce.(1)
Fond: Congregazione di Carità 
URI Identifier: http://hdl.handle.net/20.500.12731/3708
Archivist's notes: 
Busta n. 6
(1) In questo caso specifico, poiché l’atto del 18 dicembre 1419 non fa che sancire la conclusione di una vicenda iniziata molto tempo prima, non sarà del tutto inutile riportare il regesto - stilato come sempre da Antonio Corradini - di una pergamena datata 25 febbraio 1416, benché essa non sia conservata presso la Biblioteca Universitaria di Urbino, bensì presso l’Archivio del Monastero di San Benedetto:
«Fin dal dì 26 Gennaro 1388 rogito Ser Giuliano di Luca, la Venerabile Donna Vanna figlia del quondam Ciccolo d’Urbino Abbadessa del Monastero di S. Benedetto delle Santucce d’Urbino aveva comprato per 70 fiorini d’oro un pezzo di terra culta posta nella Corte della Città nel luogo Montecastagneto da Pierino di Guido di Piero dal Borgo di S. Bartolo d’Urbino, e dalla di lui madre Angela figlia di Toso dal Castello di S. Leo di Montefeltro, acconsentendovi anche la moglie di detto Pierino Anna figlia di Cicco di Cataneo, coll’obbligazione fatta in solido dai Venditori alle Monache per il mantenimento e la sicurezza. Ma perché poi mediante la detta terra fu mossa la lite contro le Monache da Matteo Abate del Monastero di S. Vincenzo di Pietrapertusa (Furlo) come Rettore di S. Bartolo d’Urbino, e quindi fu data la sentenza da eseguirsi; le Monache rivolsero le azioni contro Guido, e Bartolomeo figli, ed eredi di detto Pierino per le spese etc. Quindi è che i detti Fratelli assieme con Anna loro Madre promettono alle dette Monache di S. Benedetto o di restituire libera la detta terra, o di sborsare 70 ducati d’oro dopo 18 mesi, come anche sborsare altri sette fiorini d’oro per le spese della causa. Le Monache, che in tale occasione si adunarono a capitolo a suono di campanella furono le seguenti, cioè Suor Anestagia di Guido Abbadessa di detto Monastero, Suor Barbarina di Ramberto, Suor Filippa di Filippo, Suor Giacoma di Messer Alessandrino, Suor Agata di Cristoforo, Suor Bartolomea di Ser Nicola, Suor Antonia di Matteo, Suor Margherita di Appollinare, Suor Francesca, e Suor Battista figlie di Monte da Cagli, e Suor Giacoma da Bologna. Rog Biagio di Mastro Giovanni dalla Quadra di S. Croce alla grata di ferro dell’Oratorio, ossia luogo capitolare del Monastero di S. Benedetto della Quadra di Portanova, presso la detta grata, il muro della Chiesa di S. Benedetto, ed altri beni di detto Monastero, essendo presenti il Dottor Messer Serafino di Andrea, il Jusperito Ser Guido di Gradolo de Bonacorsi d’Urbino, Niccolò di Bartolo lanarolo dal Borgo di Piandimercato, e Francesco di Andrea, che videro le dette Monache radunate. Registrato li 24 Marzo da Giovanni di Messer Matteo Notaro del Registro, essendone Presidente Guido di Gradolo.
Adi 18 Dicembre 1419 fu fatta transazione tra le stessissime Monache, e Matteo Abate del Furlo dinanzi al Vescovo Matteo presso la porta Maggiore, e la porta dell’ingresso di S. Benedetto, come da Pergamena della Fraternita [con tutta evidenza il riferimento è al documento di cui sopra è stato trascritto il regesto stilato da Luigi Nardini].»
Corradini, Antonio, Spoglio delle pergamene urbinati (copia di Antonio Rosa), manoscritto cartaceo, legato in cartone, secolo XIX, millimetri 305 x 220, volume I, carte 144 verso – 145 recto (segnatura di collocazione ‘Urbino 107’).
Physical type: Rotolo
Preservation status: 
Buono
Language: Latino
Project: Attività di acquisizione ottico digitale del Fondo Antico dell'Università degli Studi di Urbino Carlo Bo 
Appears in Collections:1.1 Sezione Pergamene

Show full item record

Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.