Library logo


Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/20.500.12731/3707
Archival Unit: 265
Issue Date: 26-Jun-1419
Chronology: XV sec.
Title: Vendita
Producing entity (organization): Congregazione di Carità 
Content: 
Il nobil uomo Antonio di Nicolò del conte Federico da Montefeltro, vende e consegna in pagamento ad Antonio di Bartolo di Giuliano di Urbino, erede di Francesca sua madre, due pezzi di terra per il prezzo di 30 ducati d’oro, per compimento della dote di detta Francesca che doveva pagarsi da detto Antonio di Nicolò.
Rog. Guido Gradoli della quadra del Vescovado.(1)
Fond: Congregazione di Carità 
URI Identifier: http://hdl.handle.net/20.500.12731/3707
Archivist's notes: 
Busta n. 6
(1) Così il Corradini:
«Il nobile, e valoroso Uomo Antonio del quondam Niccolò del Conte Federico da Montefeltro vende, e consegna in pagamento ad Antonio di Bartolo di Giuliano d’Urbino Erede di Francesca sua Madre, e moglie di detto Bartolo un pezzo di terra culta, e soda posta nella Contrada dell’Isola di pian di scanno presso la Curia del Castello di Montefabbri, la via, i beni di Giovanni di Marco Fabbro di detto Castello, i beni di Cicco di Tarduccio da Primicilio abitante in Montefabbri; e più un altro pezzo di terra culta posta nel detto luogo presso la via, i beni di Damiano di Bartolo, e i beni di Accursino di Giacomo da Montefabbri per il prezzo di 30 ducati d’oro, residuo, e compimento della Dote di detta Francesca, che doveva pagarsi da detto Antonio di Nicolò. Di più lo stesso Venditore ratifica ed approva col giuramento un’altra simile vendita, e consegna fatta al detto Bartolo, e ad Antonio suo figlio con un altro pezzo di terra culta vignata e soda posta nella Corte della Città nella Valle di Miseria, ossia Montebrancolo presso la Via, i beni di Vanne di Ciccolo di Acattolo ossia della Moglie Santa dal Castello di Montone, i beni dello Spedale di Acattuccio, e i beni di Giovanni di Paolo di Fuscolo. Rog. Guido Gradoli della Quadra del Vescovato avanti alla sua Casa nel Borgo di Valbona nella strada pubblica, presso la casa di Giovanni di Bernabeo, e il pozzo di Valbona, presenti il detto Giovanni di Bernabeo, Andrea di Giovanni di Carpinello, e Giovanni d’Andrea detto Nicolotto tutti d’Urbino. (Gradoli sbagliò nello scrivere 1400 Ind. 12 Martino V. Nell’angolo del trivio di là dalla Croce di Mazzaferro vi era lo Spedale di S. Michele Arcangelo di Montebrancolo.)»
Corradini, Antonio, Spoglio delle pergamene urbinati (copia di Antonio Rosa), manoscritto cartaceo, legato in cartone, secolo XIX, millimetri 305 x 220, volume II, carte 46 verso – 47 recto (segnatura di collocazione ‘Urbino 107’). La parte conclusiva del regesto, che è stata riportata tra parentesi tonde, nell’originale trovasi a piè di pagina, ed è molto probabilmente un’aggiunta di Antonio Rosa al regesto di Antonio Corradini.
Physical type: Rotolo
Extrinsic description: 
La pergamena risulta lacerata nella parte alta sinistra e presenta macchie di umidità su tutto il lato sinistro
Preservation status: 
Mediocre
Language: Latino
Project: Attività di acquisizione ottico digitale del Fondo Antico dell'Università degli Studi di Urbino Carlo Bo 
Appears in Collections:1.1 Sezione Pergamene

Show full item record

Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.