Library logo


Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/20.500.12731/3679
Archival Unit: 237
Issue Date: 6-Apr-1415
Chronology: XV sec.
Title: Promessa di esborso
Producing entity (organization): Congregazione di Carità 
Content: 
Benedetto di Fusco dalla Villa di Vico, abitante in Crocicchio, promette di sborsare alla Fraternita di Piandimercato, 6 fiorini d’oro e 25 bolognini, per il prezzo della metà di un bove, costituendosi socio (1) per l’altra metà.
Rog. Bencevenne di Paolino d’Urbino.
Fond: Congregazione di Carità 
URI Identifier: http://hdl.handle.net/20.500.12731/3679
Archivist's notes: 
Busta n. 5
(1) Appare non del tutto inutile chiarire che in questo contesto il Nardini utilizza il termine ‘socio’ volendo alludere alla figura che - in modo più pregnante - si chiamava soccidario. Si veda a tale riguardo la definizione di sòccida nel Vocabolario Treccani reperibile in rete (https://www.treccani.it/vocabolario/soccida/):
Contratto diretto a costituire un’impresa agricola di natura associativa, nella quale si attua una collaborazione economica tra colui che dispone del bestiame (soccidante, concedente) e chi deve allevarlo (soccidario, allevatore), al fine di allevare e sfruttare una certa quantità di bestiame ed esercitare le attività connesse, ripartendo spese e utili inerenti sia all’accrescimento del bestiame sia ai prodotti (latte, formaggio, ecc.) che ne derivano.
Il documento in questione, nella sua semplicità, appare emblematico ed indicativo delle abitudini del tempo, quando gli accordi potevano riguardare un solo animale, ed anche una frazione di esso (la metà di un bove).
Physical type: Rotolo
Preservation status: 
Buono
Language: Latino
Project: Attività di acquisizione ottico digitale del Fondo Antico dell'Università degli Studi di Urbino Carlo Bo 
Appears in Collections:1.1 Sezione Pergamene

Show full item record

Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.